Blog

Cosa sono le intolleranze alimentari?

Cosa sono?

L’ingestione nell’organismo di determinati cibi può causare in non pochi casi una reazione allergica oppure un’intolleranza alimentare. Nel primo caso – allergia – abbiamo una reazione rapida e violenta (da pochi minuti a qualche ora) sostenuta da anticorpi di classe IgE.

Nel secondo caso – e si parla di intolleranza – abbiamo invece una reazione che può essere tardiva (da diverse ore ad alcuni giorni) in conseguenza di un contatto prolungato dell’alimento con l’organismo. Questa intolleranza è mediata da anticorpi di classe IgG.

Alcune forme di intolleranza alimentare possono essere su base genetica altre acquisite nel corso degli anni in concomitanza di stress psicologici, malattie, disordini alimentari, abuso di alimenti o altro. In questo caso il sistema immunitario riconosce come “nemici” gli alimenti e le sostanze sensibilizzanti e le combatte attraverso dei sintomi che possono essere sia di ordine fisico che psichico.

Come si manifestano?

I disturbi più comuni possono essere:

  • cefalee ed emicranee
  • stanchezza e sonnolenza
  • ansia
  • alterazione dell’equilibrio
  • dolori muscolari e articolari
  • obesità, cellulite e ritenzione idrica
  • nausee, gastriti, iperacidità
  • aumento della sudorazione
  • asma e difficoltà respiratorie, tosse e raucedine, rinofaringiti
  • palpitazioni, extrasistole, alterazioni della pressione
  • irritabilità
  • gonfiore, crampi, aerofagia, flatulenza, bruciori uro-genitali
  • eczemi, acne e dermatiti, orticaria, edemi degli arti

Il test immunologico

E’ un test standardizzato e altamente specifico che permette di rilevare gli anticorpi di classe IgG responsabili dell’intolleranza alimentare eventualmente presenti nel sangue del paziente. Questo test permette di individuare contemporaneamente le intolleranze verso 90 alimenti classici appartenenti alla dieta mediterranea. Il test è in grado non solo di rilevare la presenza dell’anticorpo, ma anche di dosarne la concentrazione tramite confronto con standard di riferimento espresso in U/mL.

Una variante dello stesso test permette la determinazione verso 45 alimenti mediterranei.

Interpretazione del test: nel caso di positività ad uno o più alimenti la terapia all’intolleranza consiste nella modifica del proprio regime alimentare. E’ consigliabile, in caso di intolleranze plurime, farsi accompagnare nel percorso da un esperto nutrizionista dietista onde evitare di sbilanciare in modo pericoloso la propria alimentazione.

Alimenti testati

CEREALI: avena, grano, granturco, orzo integrale, riso, segale.

ZUCCHERO E ALTRI ALIMENTI DOLCIFICANTI: zucchero di canna, miele, malto.

UOVA: albume e tuorlo

LATTE E DERIVATI: burro, fiocchi di latte, formaggi stagionati, formaggi fusi, latte vaccino, yogurt.

CARNI: carni rosse, carni bianche.

PESCI: pesce, crostacei, molluschi.

FRUTTA SECCA E SEMI: arachidi, mandorle, noce di cola, semi di girasole, caffè, cacao, noce nera, semi di senape, anacardio, semi di soia.

LEGUMI: ceci, fagioli di vario tipo, fagioli si soia, lenticchie, piselli verdi.

LIEVITI: lievito per torte, lievito di birra.

FRUTTA: ananas, arancia, avocado, banana, fragola, limoni, mela, melone, olive, pesca, pera, pompelmo, prugna, uva bianca.

VERDURA: asparagi, aglio, bietole, barbabietole, broccoli, carciofi, cetrioli, cipolla, carote, cavolfiore, cavolo, fagiolini, funghi, lattuga ghiaccia (iceberg), melanzana, pomodori, patate dolci, patate, sedano, spinaci, zucca.

SPEZIE, AROMI E VARIE: cannella, maggiorana, pepe verde, prezzemolo, pepe, te nero.