Blog

Percorsi di Mindfulness

I percorsi di Mindfulness hanno lo scopo di trasmettere alle persone dei modi funzionali per gestire le difficoltà di tutti i giorni.

Spesso abbiamo la percezione che i molti impegni, la frustrazione, il poco tempo a disposizione e le situazioni spiacevoli, ci impediscano di vivere una vita serena, non consapevoli del fatto che possiamo essere noi a cambiare il modo di relazionarci con ogni evento.

Può trattarsi di un evento interno (emozioni disagevoli, pensieri disturbanti) che ci crea disagio, o un evento esterno (lavoro stressante, litigi, lutti etc.) che ci turba e ci destabilizza; grazie alla pratica di Mindfulness è possibile riconnettersi con le proprie intime risorse per riprendere in mano il timone della nostra nave e guidarla verso una via più utile, all’insegna della consapevolezza.

Il percorso di Mindfulness proposto dal nostro Centro può essere svolto in gruppo oppure individualmente, a seconda di una personale esigenza, con durata di 8 incontri a cadenza settimanale. Ogni sessione presenta una sua specifica tematica con associate delle pratiche di Mindfulness, seguite da momenti di condivisione. Al termine di ogni serata saranno rilasciati materiali sia cartacei sia audio, in modo tale che sia possibile allenare la propria capacità di essere consapevoli del momento presente anche a casa. Questo perché lo scopo di tali incontri è quello di incrementare un’abilità da utilizzare soprattutto durante la propria quotidianità e nella propria vita.

Le sessioni che vengono proposte si basano sui programmi MBSR (Mindfulness based stress reduction) e MBCT (Mindfulnessbased cognitive therapy) che sono stati validati scientificamente e hanno diversi benefici: aumento del sistema immunitario, abbassamento dei livelli di cortisolo, miglioramento delle capacità attentive e di concentrazione, incremento delle abilità di regolazione emotiva e miglioramento nelle relazioni (migliore gestione dei conflitti, minore impulsività, maggiore accettazione dell’altro etc.), per citarne solo alcuni.

Possono usufruire di questa pratica tutte le persone che sentono il desiderio di volersi prendere cura di sé in diversi ambiti e fasi della propria vita:

  • per curarsi del proprio benessere, mettersi in intimo contatto con sé stessi e intraprendere un percorso di crescita personale;
  • per avere un supporto in momenti di stress e cambiamento, ad esempio per il genitore stressato dai molti impegni, in fase di divorzio e separazioni, in gravidanza per sostenere la persona alle naturali preoccupazioni e al cambiamento che si appresta ad arrivare, e così via;
  • per avere un intervento supportivo in caso di disagio psichico e/o fisico, ad esempio per il rimuginio ansioso e depressivo o per la presenza di dolori del corpo;

È importante sottolineare che non si tratta di una pratica religiosa, né spirituale, e non implica una perdita di coscienza o uno stato alterato di trance, anzi, si vuole divenire quanto più aderenti a ciò che la realtà ci comunica. Non si tratta nemmeno di una forma di rilassamento, in quanto, non è lo scopo verso cui ci si approccia a tale pratica, anche se spesso è un piacevole “effetto collaterale”!

I programmi che vengono proposti sono, dunque, volti ad incrementare le abilità di consapevolezza, a percepire il presente anziché pensarlo, a relazionarsi in modo più funzionale con le proprie sensazioni, i propri pensieri e le proprie emozioni, a vivere le esperienze interne ed esterne in modo maggiormente accogliente, aperto e gentile, rivolgendosi a sé e all’altro in modo compassionevole e amorevole.