Archives

Visita ematologica

La visita ematologica serve a diagnosticare, prevenire e curare le malattie del sangue. Questa visita prevede un’anamnesi completa sulla situazione clinica attuale e passata del paziente, con particolare attenzione alle malattie ereditarie o familiari, alle eventuali terapie farmacologiche e ai risultati di precedenti analisi di laboratorio ed ecografie.

Visita chirurgica vascolare

La visita chirurgica vascolare ha l’obiettivo di verificare lo stato dei vasi sanguigni (arterie, vene e capillari) e linfatici (capillari, precollettori, linfonodi, tronchi linfatici), fondamentali per la salute dell’organismo in quanto responsabili della circolazione del sangue.

 

Esame Impedenzometrico

L’esame impedenzometrico si effettua con lo scopo di ottenere informazioni riguardo lo stato di salute dell’orecchio medio, ovvero la parte dell’organo uditivo che comprende il timpano, la catena degli ossicini, la mucosa timpanica, i vasi e i nervi della cassa del timpano, le cavità mastoidee e la tuba uditiva. Serve per  valutare sia l’elasticità del timpano (timpanometria) che la funzionalità della catena di ossicini responsabili della funzione dell’udito. Viene eseguito nel caso il medico specialista sospetti un danno uditivo, con lo scopo di individuare la sede delle lesioni.

Visita reumatologica

La visita reumatologica è una visita medica che viene eseguita dal medico specialista reumatologo e che ha come obiettivo l’individuazione della malattia reumatica e la scelta della cura più appropriata. Serve per diagnosticare le patologie interessanti il tessuto connettivo, le articolazioni (e le strutture articolari) e le ossa, che non siano direttamente derivanti da traumi.

 

Otoplastica

L’otoplastica è un’operazione di chirurgia estetica mirata a correggere gli inestetismi delle orecchie, come le cosiddette orecchie a sventola, quelle malformate o quelle troppo grandi e sproporzionate. L’operazione consiste, di fatto, in un rimodellamento della cartilagine di entrambi i padiglioni auricolari.

Grande Autoemoinfusione

La grande autoemoinfusione è indicata per patologie quali: aterosclerosi, arteriopatie periferiche, diabete, malattie cerebro-vascolari, cardiopatia ischemica/recupero post-infarto, malattie oculari (degenerazione maculare senile), cefalee vascolari muscolo-tensive, malattie reumatiche (artrite reumatoide, fibromialgia), sindrome da affaticamento cronico.

Infiltrazioni sottocutanee/peritendinee

Le infiltrazioni sottocutanee/peritendinee di ossigeno-ozono sono utili nelle problematiche del piede, quali: fascite plantare, neuroma di Morton e tendinite di achille; per quanto riguarda la mano, sono indicate per sindrome del tunnel carpale, artrosi, tenosinovite stenosante dei flessori delle dita (dito a scatto).

Infiltrazioni intra-articolari

Le infiltrazioni intra-articolari di ossigeno-ozono vengono applicate al ginocchio in caso di gonartrosi, e nella spalla in caso di capsulite adesiva (“spalla congelata”).

Infiltrazioni paravertebrali

Le infiltrazioni paravertebrali di ossigeno-ozono sono indicate per ernia discale, protrusione discale, stenosi canale vertebrale, artrosi.

1 2 3 20