Blog

Nuova metodica per analisi delle aritmie e delle apnee nel sonno

Presentazione a cura del Dr. Bortolo Martini, Cardiologo-Aritmologo Clinico:

ROOTI-RX SYSTEM è un innovativo sistema progettato dagli ingegneri della Apple che consente un monitoraggio continuo cardiorespiratorio del ritmo cardiaco e del respiro per 7 giorni, con un semplice cerotto applicato sul torace. La definizione del segnale è eccellente in tutte le situazioni (500 Hz), ed è possibile applicarlo durante attività sportiva, lavorativa, doccia ecc. Garantisce risultati superiori a quelli attualmente ottenibili non solo dall’Holter 24 ore, ma anche da sistemi impiantabili chirurgicamente (Looop Recorders), che non consentono il monitoraggio del sonno.

La registrazione alla fine dei 7 giorni viene trasferita tramite WIFI ad un data base sul web ed analizzata da sofisticati sistemi di intelligenza artificiale, con cui alla fine interagisce il Cardiologo esperto in Aritmologia, la cui competenza è alla fine fondamentale per una corretta interpretazione delle aritmie, non demandabile unicamente al computer, e per un corretto invio al Pneumologo dei casi di competenza.

Le indicazioni al suo utilizzo sono:

-sincopi sporadiche, difficilmente documentabili da una registrazione dell’Holter per sole 24 ore

-aritmie sintomatiche ma anch’esse sporadiche, soprattutto negli sportivi

-sospetto di aritmie asintomatiche o paucisintomatiche

-valutazione di ictus o TIA di incerta eziologia in cui è possibile una fibrillazione atriale embolizzante come causa. La documentazione di tali episodi consente di instaurare una terapia preventiva salvavita.

-monitoraggio della terapia antiaritmica

-valutazione di apnee notturne e della loro relazione con aritmie. L’esame peraltro è un esame di screening che serve ad identificare pazienti che necessitano di una successiva polisonnografia.

-unica non indicazioni sono i rarissimi casi in cui è indicata una registrazione delle 12 derivazioni.

Ove queste indicazioni siano appropriate il rapporto costo/beneficio dell’indagine è insuperabile consentendo diagnosi accurate di situazioni potenzialmente ad alto rischio anche di vita, terapie adeguate, riduzione dei ricoveri e della necessità di interventi invasivi.
______________________________________________________________________________________________________________________________

Cardiologi presso Centro Medico BIOS:
Dr. Bortolo Martini
Dr.ssa Ionela Cristina Molan

effettuano:

Visita cardiologica
Elettrocardiogramma
Elettrocardiogramma delle 24 ore secondo Holter
Holter pressorio delle 24 ore
ROOTI-RX sistem
Test da sforzo al cicloergometro
Ecocardiografia

Novità: Radiografie

La radiografia è un esame non doloroso e non invasivo.
La consegna del dischetto avviene immediatamente, mentre il referto è pronto in tempi brevi.
Le prestazioni erogate
☑️RX Colonna standard o in ortostatismo (anche proiezioni dinamiche e oblique)
☑️RX Torace
☑️RX Coste, sterno e clavicola
☑️RX Spalla, braccio e gomito
☑️RX Polso e mano
☑️RX Bacino e articolazioni sacroiliache
☑️RX Anca, femore e ginocchio
☑️RX Gamba, caviglia e piede
☑️RX Completa arti e bacino sotto carico
☑️RX Assiale rotula

Uroflussometria

L’uroflussometria è un test non invasivo che misura il volume minzionale, la velocità del flusso ed il tempo impiegato per effettuare la minzione. E’ utile per la valutazione della funzionalità del tratto urinario e per verificare i risultati della terapia.

Preparazione all’esame
 Occorre bere un litro d’acqua un’ora prima dell’esame e presentarsi in ambulatorio a vescica piena.

Soffri di sudorazione eccessiva?

La sudorazione eccessiva è un problema molto comune, che in Italia colpisce più di 2 milioni di persone. Può essere generalizzata, oppure riguardare parti specifiche del corpo.

In particolare, per chi soffre di sudorazione eccessiva sotto le ascelle, l’iperidrosi ascellare, si tratta di un problema che può rivelarsi un vero e proprio blocco nelle relazioni.

Ma se fino a qualche tempo fa era praticamente una condanna a vita, oggi esiste un trattamento per risolverlo in modo pressoché definitivo.

Ne abbiamo parlato con uno specialista in questo campo, il Dott. Alessandro Salviati del Centro Medico Bios di Zanè.

 

Dott. Salviati, ma che cos’è in pratica l’iperidrosi?

“L’iperidrosi è una condizione che comporta una produzione eccessiva di sudore da parte delle ghiandole sudoripare localizzate sulle ascelle.

In casi normali, la sudorazione è un sistema che il nostro organismo ha per regolare la temperatura corporea.

In sostanza, quando sentiamo troppo caldo, il corpo sente che la temperatura è aumentata oltre i limiti normali.

Per risolvere la situazione, il cervello invia dei segnali alle zone periferiche (quindi, in questo caso, alla nostra pelle), stimolando la produzione di sudore. Evaporando, il sudore riduce la temperatura corporea e la riporta ai valori fisiologici.

Alcune persone, tuttavia, sono soggette ad un’eccessiva produzione di sudore. Questa condizione è dovuta ad un aumento del numero di ghiandole sudoripare, e alla cosiddetta iperattività del sistema nervoso simpatico.

In due parole, l’iperidrosi non è altro che ipersudorazione.”

 

Quali sono le cause dell’iperidrosi?

“L’iperidrosi può essere dovuta a diversi fattori, che possono essere organici o non identificabili.

Tra le cause organiche troviamo:

• Ipertiroidismo, quindi una condizione caratterizzata da  un’eccessiva produzione di ormoni della tiroide;

• Neuropatie periferiche, quindi un cattivo funzionamento dei nervi appartenenti al sistema nervoso periferico;

• Squilibri ormonali;

• Neoplasie;

• Altre condizioni.

Nel caso di una causa non identificabile, si parla invece di iperidrosi primitiva.”

 

È possibile liberarsi dall’ipersudorazione?

“In molti casi l‘iperidrosi può essere solamente un piccolo fastidio.

Ma, a seconda della sua entità, può anche diventare un problema per le relazioni sociali, o nella vita lavorativa e affettiva.

Fortunatamente, oggi esistono delle soluzioni concrete per la cura di questo problema.

In casi più gravi, può essere necessario un intervento chirurgico, ma per la maggior parte delle persone è sufficiente un semplice trattamento farmacologico.

Si tratta di un’iniezione di tossina botulinica.

Il trattamento prevede una serie di microiniezioni nella cute delle ascelle, eseguite con aghi sottilissimi e che penetrano nella pelle poco più di 1 mm.

Questo farmaco agisce bloccando l’azione delle ghiandole sudoripare.

In poche parole, questo farmaco “sigilla” i pori attraverso i quali fuoriesce il sudore, permettendo di eliminare il problema.”

 

Quali sono i vantaggi del trattamento farmacologico?

“Al di là dell’ovvio vantaggio in termini pratici, l’iniezione di tossina botulinica è particolarmente conveniente per altre 4 ragioni:

• Il trattamento non richiede anestesia, è una semplice procedura da laboratorio;

• la procedura presenta minimi fastidi per il paziente, e non è dolorosa;

• il rischio di effetti collaterali è praticamente nullo. Si potrebbero formare dei piccoli lividi nella   zona trattata, ma si tratta di un problema passeggero;

• il trattamento dura fino a 12 mesi.”

 

Quante iniezioni è necessario fare?

“Come detto, la durata dell’effetto del farmaco varia tra gli 8 e i 12 mesi. Normalmente, è sufficiente sottoporsi ad un singolo trattamento annuale.

Il consiglio è sempre di eseguirlo a fine inverno o all’inizio della primavera, così che l’effetto sia massimo nei mesi più caldi dell’anno.”

1 2 3 13